domenica 31 gennaio 2010

Dimagriscono perché discriminate

Questa la tesi provocatoria di una lettera che è arrivata al blog da Cinzia, provincia di Padova, e che trovo giusto condividere. Cinzia, che ci ha scoperto grazie a Repubblica delle Donne, mi ha autorizzato a ripubblicarla, e in calce ho aggiunto un mio piccolo commento. Eccola qui:
Cari Ciccioni ho scoperto il vostro blog soltanto adesso e visto che ci invitate a partecipare beh eccomi qui.

La mia domanda è: le donne obese vogliono dimagrire perchè vogliono stare bene di salute o perchè hanno paura che, rimanendo obese, saranno emarginate dagli uomini o ancora perchè non vogliono più subire i torti che subiscono in quanto - come dite voi - ciccione?

Mi spiego. Sono convinta da tempo che ci sia un equivoco di fondo nel modo in cui viene affrontato l'argomento obesità. Conosco infatti alcune donne obese che vivono bene con se stesse e non cambierebbero nulla di quello che sono, tuttalpiù cercano di non esagerare con il cibo, ma magari cucinano divinamente, ne conosco altre, invece, che faranno di tutto, anche interventi chirurgici, pur di cambiare il proprio aspetto.
Uso questa parola perchè sento che si tratta prima di apparenza e dopo semmai di altro (salute?), perchè alla salute ci si pensa in genere quando è troppo tardi, all'aspetto invece ci pensi sempre perchè gli uomini ti guardano non come vorresti tu perchè la televisione ti dice che sei brutta perchè tutto il mondo vorrebbe farti dimagrire. Sono donne meno sicure di se stesse, donne che avendo subito giorno dopo giorno la discriminazione di cui parlate voi, e come donna so benissimo il livello di cattiveria che può raggiungere la gente che non ragiona e quanto male possano fare certe battute che ti sbattono in faccia i tuoi chili di troppo, secondo me cioè sono donne che dimagriscono (più spesso tentano di farlo ma quanto dura?) proprio perchè sono discriminate.

Vogliamo finirla con questo scempio? Complimenti per il blog, come vedete credo che sia molto utile, spero che qualcuna apra gli occhi prima di far decidere agli altri come deve essere.
Cinzia
(Padova)
Cara Cinzia, a me sembra una generalizzazione molto spinta sostenere che le donne obese che vogliono dimagrire a tutti i costi, anche ricorrendo alla chirurgia, lo facciano perché sono insicure. Di certo sono discriminate, qualsiasi obeso lo è, ma non mi sembra affatto certo che sia questo, o solo questo, che possa spingerle a fare grandi sacrifici, o a sottoporsi a coraggiosi interventi chirurgici. Il fiato corto, l'impossibilità di muoversi comodamente e mille altri problemi nel quotidiano possono spingere chi è molto ciccione soprattutto a prendere atto di un problema e a porvi rimedio, senza necessariamente arrivare a problemi di salute assai più pesanti.
Detto questo, credo che la tua lettera sia molto utile per costringere noi tutti a pensare quanta parte delle scelte che facciamo sul fronte obesità siano dettate dalla discriminazione e quante da nostre decisioni di persone libere. Penso sia a chi trova la serenità rimanendo com'è ma anche a chi magari si rifugia proprio nel cibo, l'amico-nemico di sempre, per ritrovare i propri equilibri, o una maggiore sicurezza in se stesso, come reazione alla discriminazione che si subisce. In altre parole mi chiedo se non si debba prima di tutto imparare a farsi scivolare addosso certi comportamenti, come quelli che hai descritto, e farlo senza però subirli, ad esempio lottando per una nuova cultura dell'inclusione e dell'integrazione fondata sulla valorizzazione delle diversità.

16 commenti:

  1. Io preferisco le donne in carne!SEMPRE!E odio le ragazze che fanno la dieta per dimagrire..noi ragazzi vogliamo "toccare" non sentire solo ossa schifose!

    RispondiElimina
  2. quoto totalmente!!!!!

    RispondiElimina
  3. A me sembra che Cinzia sia molto ignorante se pensa che chi si cura con la chirurgia abbia dei problemi che non siano l'obesità. L'obesità è il PRIMO dei problemi. - Romeo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo fanno solo per essere all'altezza delle magre e le trovo penose non quando restano grasse ma quando vogliono dimagrire e andare contro la loro natura

      Elimina
  4. Sono in parte d'accordo con Cinzia, ma non penso che il problema sia l'ironia da cerebroleso e la mancanza di uomini (penuria di cui pur essendo grassa ho sofferto poco, e solo quando ho "dovuto" prendere una pausa :D).

    Anche se quasi sicuramente questi sono i motivi principali per cui un'adolescente si mette a dieta.

    Ma da adulti, credo, questi motivi incidono solo quando si sommano a difficoltà personali e a un imperativo categorico che viene da: famiglia, medico di base, medici di ogni tipo, amici, riviste, mondo del lavoro, istituzioni. (in Giappone era già "consigliato a norma di legge" restare sotto un certo peso...)

    Quindi bisogna mirare al peso forma, e dimagrire. Con un taglio netto: delle calorie o dello stomaco.

    Non tento più nemmeno di consigliare alternative alla chirurgia, perché m'illudo che le persone sappiano formarsi da sole il proprio concetto di salute e benessere.

    Anche se le mie idee si aggrappano a quegli studi scientifici che non accusano il grasso di ogni problema fisico...

    Anche se la chirurgia bariatrica inizia ad avere adesso dati realistici sulla mortalità degli operati dopo i 60 anni. E da un paio di articoli che ho letto in giro, non sono dati confortanti come dovrebbero.

    Ma sono sicura che spariranno, o saranno confutati, manipolati, accomodati in nome dell'imperativo categorico...

    RispondiElimina
  5. Con "mortalità degli operati dopo i 60 anni" intendevo riferirmi alla morte prematura degli operati, che forse (forse) non sempre con l'intervento si allungano la vita







    P.S. in realtà amo la chirurgia, ma qui la vedo più macellaia che salvavita, e la consiglierei solo a persone matte e disperatissime... :)

    RispondiElimina
  6. Credo che la chirurgia sia l'ultima frontiera forse è vero che è da disperate ma a volte è l'unica strada che i medici ti danno quando ti vedono in un certo stato. Ma io non sto dicendo che è sbagliato sto dicendo che spesso mi sembra che la consigliano anche quando se ne potrebbe fare a meno perchè se non cambi abitudine non credo che il bisturi possa salvare, e che spesso si fanno queste cose (pericolose) per motivi futili o quasi......

    Cinzia

    RispondiElimina
  7. sono d'accordo con cinzia (in parte, xkè in alcuni punti ho trovato il suo discorso poco chiaro).
    buona parte del problema dell'obesità stà nella discriminazione, e dal bombardamento mediatico magrezza uguale bellezza, felicità, seduzione...
    poi certo, a certi livelli una cura è opportuna ma ho constatato che spesso e volentieri si ricorre alla chirurgia troppo facilmente.
    la maggior parte dei ciccioni stessi si odia ed odia il proprio corpo e spesso ricorrono alla chiurgia allo stesso livello emotivo di una donna che usa la chirurgia x avere la sesta di reggiseno... la spinta emotiva è la stessa: piacersi, piacere, adeguarsi ai canoni. ma xkè???
    poi certo, ci sono i casi clinici x i quali probabilmente la chiurgia è esseziale, ma sono la minor parte.
    Je

    RispondiElimina
  8. A me l'unica cosa che mi sembra poco chiara è questa cosa secondo cui i medici ricorrono spesso alla chirurgia anche se non serve. E' davvero così? Non ne so molto ma mi sembra spaventoso.

    Classy

    RispondiElimina
  9. tieni conto che c'è un business dietro ogni cosa.... x quanto macabra possa essere! i forni crematori dove si sbarazzavano dei defunti invece di svolgere correttamente la cremazione (dando ai parenti vasi pieni di comune sabbia), rapimento di bambini x venderne gli organio x farli prostituir.... davanti ai soldi nn si ferma nessuno ragazzi...
    un medico ci guadagna ad operare un obeso! anche se è convenzionato con la mutua! e poi dopo loperazione nn finisce mica li! c'è la plastica x asportare la pellaccia flaccida che si ottiene dopo un dimagfrimento talmente drastico e contro natura!! è come un dentista.... magari una caria si può ancora curare ma meglio cavare, trapanare, devitalizzare e ricostruire no?? più lucroso!
    psicoanalisi??? ma no pigliati un boccetto di farmaci al giorno che ti sentirai meglio!
    è uno schifo. se nn si pensa con la propria testa o se nn si è seguiti da qualcuno che fa girare neurono x noi, ci si scivola dentro fino al collo!

    RispondiElimina
  10. Certo che se le vittime di chirurgie troppo facìl sporgessero denuncia (almeno sui giornali?) almeno si saprebbe qualcosa di più...

    Classy

    RispondiElimina
  11. a noi uomnini piacciono le sensuali magre...
    e non il lardo puzzolente...
    è questa la realtà
    e non ci saranno blog che potranno mai cambiarla!!! MAI!!!!!!
    MARCO

    RispondiElimina
  12. Bello questo commento qui sopra direi che è per questa gente che ho iniziato a venire qui. Lardo puzzolente.... che tristezza caro "MARCO"

    RispondiElimina
  13. Caro Marco, visti i toni che usi neppure dovrei risponderti. Mi limito a segnalarti che se usi Google troverai migliaia di siti nel mondo che celebrano la bellezza delle donne obese.
    Per fortuna il mondo è vario. Ed è questo, forse, che davvero non può essere cambiato.
    Auguri.

    RispondiElimina
  14. Marco e chi vuole cambiare la tua realtà? Goditela! :D

    Layla

    RispondiElimina
  15. Brava bella risposta!!!

    RispondiElimina